030 60 16 21
info@simonafontana.it

BONUS ASILO NIDO

 

Anche per il 2019 è stato confermato il “Bonus Asilo Nido”, scopriamo insieme in che cosa consiste nello specifico.

 

Chi puo` usufruire del bonus?

Questa misura può essere usufruita dalle famiglie a prescindere dal loro reddito e quindi indipendentemente dall’Isee, in quanto la sua erogazione da parte dell’I.N.P.S. dipende solo dal possesso di alcuni specifichi requisiti.

Ne discende che tale misura risulta essere molto utilizzata e rappresenta certamente un valido supporto per le famiglie.

 

A chi si rivolge?

Il “Bonus Asilo Nido” è rivolto sia alle famiglie i cui bambini frequentano il nido (pubblico o privato) sia alle famiglie con figli affetti da gravi patologie croniche di età inferiore ai 3 anni a causa delle quali sono impossibilitati a frequentare l’asilo.

In tal caso il contributo mira, quindi, a fornire un sostegno economico per l’assistenza domiciliare.

 

Come viene erogato?

Il “Bonus Asilo Nido” usufruibile dalle famiglie di bimbi che frequentano l’asilo nido l’importo complessivo è di 1.000 euro su un totale di 11 mensilità, per un importo mensile di € 90,91.

Mentre con riguardo, invece, al bonus usufruito dalle famiglie per le cure domiciliari dei propri figli l’importo viene corrisposto al genitore richiedente in unica rata in seguito alla presentazione della documentazione medica in cui viene accertata l’impossibilità del bambino a frequentare gli asili nido in ragione di una grave patologia cronica.

La domanda deve essere inoltrata direttamente all’INPS e nella richieste deve essere indicato quale bonus si intende usufruire (Bonus Nido o Contributo per l’introduzione di forme di supporto nell’abitazione) nonché le mensilità per le quali intende ottenere il rimborso.

Inoltre deve essere allegato un documento che dimostra il pagamento almeno della prima retta relativa al primo mese di frequenza dell’asilo nido, oppure la documentazione (per i soli asili nido pubblici) che certifica l’avvenuta iscrizione.

I “Bonus Asilo Nido” vengono erogati sino ad esaurimento; e quindi, viene rispettato l’ordine di inoltro delle singole richieste e qualora sia stato raggiunto il limite di risorse stanziate, l’INPS non prenderà più in considerazione altre domande.

Per il 2018 sono stati stanziati 250.000,00 euro mentre, sebbene sia stato confermato il “Bonus Asilo Nido” per il 2019 non è ancora stato definito l’importo.

 

Requisiti richiesti?

La domanda può essere presentata dal genitore di un minore nato o adottato dal 1 gennaio 2016 in possesso dei seguenti requisiti che devono esistere al momento della domanda nonché nel corso di ogni erogazione del contributo

I requisiti consistono:

  • cittadinanza italiana;
  • cittadinanza UE;
  • permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
  • carte di soggiorno per familiari extracomunitari di cittadini dell’Unione europea; (art. 10, decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 30);
  • carta di soggiorno permanente per i familiari non aventi la cittadinanza dell’Unione europea (art. 17, d.lgs. 30/2007);
  • status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria;
  • residenza in Italia.

 

I requisiti richiesti per poter usufruire del contributo devono sussistere durante l’intero periodo in cui si usufruisce del contributo e con riferimento al contributo per il pagamento dell’asilo nido devono essere confermati ogni mese.

 

 

Casi di decadenza del “Bonus Asilo Nido”

L’INPS interrompe l’erogazione dell’assegno a partire dal mese successivo all’effettiva conoscenza di uno dei seguenti eventi che determinano decadenza:

  • perdita della cittadinanza;
  • decesso del genitore richiedente;
  • decadenza dall’esercizio della responsabilità genitoriale;
  • affidamento esclusivo del minore al genitore che non ha presentato la domanda (affidamento del minore a terzi).

 

Tale contributo, unitamente ad altri già confermati o ancora in attesa di approvazione, rappresenta certamente un valido e importante supporto per le famiglie in cerca di efficaci soluzioni di conciliazione famiglia  lavoro.

Vuoi conoscere forme di conciliazione auspicabili? (http://mammachelavoro.simonafontana.it/  )

 

Voi ne avete usufruito nel 2019?

Raccontateci la vostra esperienza.

Grazie

Simona

Leave a Reply